Tag

,

 

Se c’è un dipinto che mi fa emozionare ogni volta che lo vedo, questo è La Maddalena penitente che si trova nella Galleria Doria Pamphili a Roma e che fu dipinta nel 1597 da Michelangelo Merisi, detto il Caravaggio.

Questo olio su tela, le cui misure sono di 122, 5 cm per 98 cm, è un quadro barocco, di genere religioso. Il committente di questa pittura si dice che fu il Cardinale Francesco del Monte e che formava parte di un gruppo di opere che dovevano decorare le sue stanze.

La composizione è simmetrica. Lo sfondo è scuro, marrone grigiastro, con una macchia triangolare giallo-beige nell’angolo superiore destro. Nel centro del quadro spicca una giovane donna, una fanciulla direi, seduta su una sedia bassa. Il pavimento è di terracotta. La ragazza ha la testa china  verso il basso; questo gesto viene compensato dai gioielli e dal flacone di profumo che sono sulla parte inferiore sinistra della tela.

I colori sono caldi; la carnagione dalla ragazza è dipinta con colori naturali ed è ammorbidita dai suoi lunghi capelli di un castano rossiccio; gli abiti che porta sono ricchi e sul luminoso bianco della camicia spiccano la ricchezza del corpetto e della gonna e anche quella della lunga stoffa rossastra che ha sul grembo.

Il quadro è dipinto con la tecnica del chiaroscuro, le pennellate sono accuratissime e la tecnica del pittore si può osservare nella perfezione dei dettagli: i gioielli, i disegni delle stoffe, i merletti della camicia e anche nel flacone di vetro. Ciononostante, il viso della ragazza, che è addormentata, sembra  mostrare un po’ di gonfiore, e questo dà a l’opera una sensazione di non essere propriamente conclusa, e la rende anche più interessante.

Perché questa Maddalena penitente  e non una di quelle Maddalene molto più belle, note e importanti nella storia della pittura?

La Maddalena è un modello di pittura religiosa che fu molto diffuso fin dai primi tempi nei dipinti religiosi; prima perché fu una santa tra le più importanti e anche un modello d’asceta, ed è perciò che nei dipinti gotici appare molto spesso. Maddalena era dipinta quasi sempre bella, con i capelli lunghi e sciolti, pentita e un po’ lacrimosa, seminuda; a volte, tante volte, era un quadro erotico nascosto dentro una storia religiosa.

Ed è perciò che mi piace questo quadro, si vede come un’istantanea, come un’immagine rubata; lei non è altro che una ragazza, ancora un’adolescente che, a casa da sola,  si addormenta dopo aver giocato con le cose di mamma. Certo, non sembra felice — e che adolescente lo è? —  certo, ha la faccia un po’ gonfia e un lacrima sul viso, ma non sembra che i suoi problemi siano quelli di quella donna peccatrice pentita di cui i preti raccontano; i suoi problemi sono quelli degli adolescenti: talvolta problemi con le amiche, quella festa alla quale non si può andare, forse un primo amore.

Save

Annunci