Tag

,


Gertrude è il personaggio protagonista di due capitoli dei Promessi Sposi. Appartiene alla più alta nobilita, dunque malgrado non sia badessa ha un grande potere e viene chiamata Signora.

Sin dalla nascita suo padre la predestina alla monacazione e tutta la famiglia accetta la decisione del padre, trattandola come se fosse una monaca.  Quando lei dice di non sentirsi pronta a prendere i voti suo padre si adira molto.  Siccome Gertrude riesce ad intrattenere una corrispondenza con un paggio, suo padre la convince che ormai non ha più  nessuna possibilità di sposarsi. Alla fine Gertrude è costretta a mentire all’esaminatore che deve badare all’autenticità della sua vocazione e diventa monaca. L’intera famiglia accetta felice la decisione di Gertrude. Non c’è nessuno ad interessarsi di lei, alla sua felicità. Se Gertrude avesse detto la verità all’esaminatore, suo padre le avrebbe possibilmente reso la vita impossibile e non avrebbe trovato a chi chiedere aiuto.

Dal rancore e dalla frustrazione nasce la malvagità di Gertrude. Sebbene abiti in un convento ha una relazione con Egidio, ha un umore variabile e si sfoga con le altre monache e le allieve a lei affidate. Il carattere della monaca di Monza è condizionato dalle brutte esperienze vissute. La sua presenza diffonde inquietudine, paura e incertezza. La monaca  accetta di ospitare nel convento Lucia e sua madre. Mostra una curiosità morbosa per la vicenda di Lucia in modo che Lucia sente un confuso spavento ogni volta che parla con lei. Gertrude ubbidisce a Egidio quando lui le chiede di far uscire Lucia dal convento per rapirla anche se la proposta le sembra orripilante. Alla fine è accusata di delitti atroci e rinchiusa in un monastero dove conduce una vita di volontari patimenti.

Gertrude è un personaggio ispirato alla figura storica di Marianna di Leyva che fu suora Virginia Maria nel convento di Monza.

Annunci