Tag

,

Le mie maggiori difficoltà con l’italiano sono l’espressione orale, prima, e l’espressione scritta, dopo. La comprensione orale e quella scritta, invece, dipende dalla lingua che sto imparando: per me è più facile in italiano, perché è una lingua con la stessa radice  della la mia, ma è più difficile in inglese perché è una lingua totalmente diversa.

L’espressione orale la metto al primo posto, qualsiasi lingua sia, perché mi sento sempre ansiosa quando devo parlare in una lingua diversa dalla mia. Penso che sia a causa della  velocità della situazione: devo capire e rispondere immediatamente, e non ho tempo di pensare bene la struttura, le coniugazioni e le parole di cui ho bisogno.

La lingua scritta va al secondo posto perché posso farlo un po’ meglio perché, di solito, questa è un’attività dove ho tempo sufficiente per farla. Inoltre, posso consultare i dubbi in un dizionario o una grammatica. Ma devo riconoscere che sono abbastanza pigra per mettermi a scrivere in un’altra lingua, faccio fatica a farlo (come per esempio adesso, con questa composizione fatta l’ultimo giorno), forse perché so che avrò bisogno di molto tempo per finirla! Ma è ancora peggio quando devo scrivere in un esame, con tempo limitato e senza aiuto bibliografico.

Penso che per superare queste difficoltà deva praticare di più. E, soprattutto per l’orale, credo che deva stare più tranquilla e non avere paura di sbagliare.

Annunci