Tag

,

Per me questo argomento è un po’ confuso. Siccome sono cresciuta allo stesso tempo che la tecnologia , questa è diventata, in un certo modo, parte fondamentale delle amicizie oggigiorno, non sono sicura di quale sia il colpevole del cambiamento, se l’età oppure la tecnologia o magari una mescolanza tra tutte e due.

Da piccola, nei primi anni dell’infanzia, credo che sia più chiaro. Non abbiamo nessun problema di cui preoccuparci. Siamo bambini e in certo modo è più facile trovare un amico dovunque. Magari non è quello che adesso pensiamo sia un amico, ma per quel momento è un’amicizia che pensiamo sarà per sempre. Ho conosciuto una bambina più o meno della mia età nel parco a cui le piace giocare allo stesso che a me e quindi possiamo essere amiche. E questo ragionamento si applica per il resto della nostra vita ma in quel momento è l’unico che importa.

Da adolescenti, mentre stiamo diventando creature più insicure e con tantissimi dubbi, tentiamo di forgiare una personalità propria e unica; tutti quegli aspetti che vogliamo che il mondo pensi di noi: che siamo molto diverse dalle altre e per questo semplicemente speciali. In questa fase, non tutte le prime amicizie sopravvivono. Cominciamo ad avere delle amicizie magari non autentiche nel vero senso della parola. Passiamo il tempo con persone che hanno dei gusti simili ma che a volte non sono gradevoli per noi. Per alcune, è il momento dove ci definiamo attraverso le persone che ci circondano. Non dico che per tutti e che sia sempre così ma  succede spesso. Ed entra in gioco l’internet e le amicizie online. Non solo dobbiamo forgiare una personalità nella realtà ma adesso dobbiamo saper fornire un’immagine online che susciti invidia. Questo è anche una barriera che non ci permette di avere amicizie di qualità ma ci permette averne quantità.

L’etá dell’università o del primo lavoro è una proroga dell’adolescenza ma dobbiamo affrontare i nostri primi problemi di quasi-adulti. Perché abbiamo più responsabilità, e perché il nostro tempo libero è scarso, ci troviamo in un punto dove sono poche le amicizie vere ma abbiamo tantissimi amici per andare in giro e divertirci. Sappiamo le differenze tra i due tipi ma questo non cambia il risultato.

E adesso, siamo adulti. È difficile trovare nuove amicizie per la mancanza di tempo, i problemi giornalieri e molto di più. Abbiamo magari due o tre veri amici intimi e questo è un po’ ottimista. Abbiamo dei colleghi, gli amici dei nostri partners e tanti altri conoscenti con cui trascorrere il tempo. Su internet ne abbiamo ancora tantissimi ma non lo si sente così confortante come prima.  

E come sarà dopo? Non posso neanche pensarci. La mia previsione è che continuerà così. Avremo più conoscenti ma saremo più riservate con i nostri veri sentimenti. Diventeremo più chiuse e introspettive.

Annunci