Tag

,

L’Italia sta analizzando la possibilità di cambiare la regolamentazione delle aperture domenicali del settore commerciale nel mezzo del dibatto sociale tra le diverse prospettive. Un dibatto che però è anche ricorrente in altri paesi europei, come per esempio in Spagna, dove attualmente ogni Comunità Autonoma decide sulle aperture dei negozi nei giorni festivi.

Normalmente, quelli che sono favorevoli all’apertura domenicale dei negozi scelgono giustificazioni legate alla promozione di diverse attività nel tempo libero, in contrasto con quelli che sono contrari perché credono che sia una promozione del consumismo. Tuttavia, ci sono altri aspetti che circondano questo dibatto, essendone uno la questione della precarietà del lavoro domenicale. Dopo l’inizio della crisi economica, siamo abituati a parlare di disoccupazione, di stipendi bassi o di straordinari non pagati, tra altri problemi associati alla precarietà che comporta la crisi. Analizzando questo scenario, non è erroneo pensare che ampliando gli orari lavorativi (se i negozi aprono la domenica), ampliamo anche la precarietà.

Nonostante questa sia un’opinione valida, possiamo anche vedere l’apertura domenicale come un’opportunità per creare posti di lavoro. Voglio dire, sicuramente c’è una parte importante della popolazione che vorrebbe lavorare il fine settimana, come per esempio gli studenti che vanno all’università nei giorni feriali o quelli che devono prendersi cura dei loro cari e che hanno bisogno di orari flessibili. Se creiamo turni domenicali o persino per tutto il weekend, potremo garantire l’obbligo di riposo a tutti quelli che hanno lavorato durante la settimana allo stesso tempo che creiamo posti di lavoro nuovi. Naturalmente, gli impiegati che lavorano la domenica devono ricevere uno stipendio equilibrato alle ore che fanno ed avere un contratto giusto.

In questo modo, tutti avremo libertà per fare le nostre spese in qualsiasi momento della settimana e contribuiremo alla riduzione della disoccupazione. A questo punto non possiamo però illuderci: perché questa proposta funzioni è necessario che la legislazione protegga i diritti dei lavoratori per evitare effettivamente la precarietà.

Annunci